top of page

E' solo la Voce che Resta

By Forugh Farrokhzad

(1935-1967), La donna più famosa nella storia della letteratura persiana


Perché fermarmi, perché?

Gli uccelli sono partiti in cerca di una direzione azzurra.

L’orizzonte è verticale,

L’orizzonte è verticale e il movimento: zampillante

E al limite del visibile

Ruotano, luminosi, i pianeti.

Alle altitudini, la terra rinnova il suo ciclo,

I pozzi d’aria

Si trasformano in tunnel di collegamento

Ed il giorno è una distesa

Che le limitate idee del verme del giornale non racchiudono.


Perché fermarmi?

La rotta passa attraverso i capillari della vita.

La fertile atmosfera del grembo lunare

Eliminerà le cellule contaminate

E, all’alba, nello spazio chimico,

Solo la voce,

La voce sarà assorbita dalle particelle del tempo.

....................

Perché fermarmi?

Le verdi spighe di grano,

Io le porto al seno

E le allatto.

La voce, la voce, solo la voce.

La voce dell’insito desiderio dell’acqua di scorrere,

La voce della cascata di luce stellare sulla parete della femminilità della terra,

La voce della coagulazione dello sperma del pensiero

E l’effusione della memoria comune dell’amore.

La voce, la voce, la voce, solo la voce resta.

Nel paese degli gnomi

I criteri di valutazione

Hanno sempre gravitato nell’orbita dello zero.


Perché fermarmi?

Io obbedisco ai quattro elementi,

Il compito di redigere lo statuto del mio cuore

Non è compito del locale governo di ciechi.


........................





2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

MUSIC

Comentarios


bottom of page